News > Dettaglio News

Acer mi chiede l'affitto per la casa occupata

GLI ABUSIVI della case popolari pagano l'affitto. O almeno questo vorrebbe Acer che ai singoli e alle famiglie che occupano un appartamento invia puntualmente i bollettini con la somma da versare, in attesa che arrivi lo sgombero. Una quota che per gli abusivi sarebbe ovviamente piu' alta di chi e' assegnatario regolare di un alloggio Erp, rappresentando una sorta di multa per tutto il periodo dell'occupazione stessa. Una manovra, questa, che pero' non sempre va a buon fine. Tra gli abusivi e' difficile trovare qualcuno che decida di saldare il conto, ma quando questo avviene rischia creare false speranze, perché l'occupante immagina di regolarizzare la propria posi-zione.

PROPRIO questo e' quello che starebbe accadendo a Casteldebole in via Einaudi al civico 37, dove da agosto una famiglia occupa un alloggio Acer e uno degli abusivi ha raccontato di pagare regolarmente i bollettini inviati dall'Azienda Casa Emilia-Romagna e di sentirsi legittimato a restare nell'apparta-mento. Interpellata su questa vicenda Acer non ha confermato né smentito, limitandosi a dichiarare che per lo sgombero «sono in corso le procedure per la diffida e il rilascio dell'alloggio», e, in merito a altre domande, tra cui il pagamento dell'affitto da parte degli occupanti, ha specificato che «altre in-formazioni al momento non sono disponibili, per mantenere la riservatezza sulle attivita' che svolgiamo in collaborazione con il Comune, la Magistratura e le forze dell'ordine».

IL MALCONTENTO dei residenti regolari dello stabile di via Einaudi, pero', sta arrivando al limite. La settimana scorsa i condomini hanno subito avvisato l'amministratore di condominio, Daniele Vaccari dello studio Zenith, perché hanno notato che il contatore del gas della casa occupata e' di nuovo funzionante. «Temiamo sia un allaccio non autorizzato e che l'impianto all'interno dell'appartamento possa essere non a norma. Chiediamo un'accelerazione per lo sgombero e ulteriori verifiche — spiega Vaccari Acer dovrebbe assegnare quanto prima gli alloggi sfitti a chi ha bisogno e rispetta le regole, evitando le occupazioni che possono creare situazioni di pericolo e tensione sociale».

UN'OPINIONE condivisa anche dai condomini del palazzo. «Com'e' possibile che persone che non hanno neanche la residenza abbiano tutte le utenze allacciate? Acer deve intervenire per ripristinare una situazione di giustizia e di legalita' — commenta un condomino, che vuole restare anonimo —. Non siamo contro qualcuno, ma siamo contro chi abusa di qualcosa non avendone l'effettiva necessita', visto che gli occupanti sfoggiano anche auto di grossa cilindrata nel parcheggio».

di FRANCESCO PANDOLFI

il Resto del Carlino

Skype
Chiamaci via Skype!
(C) 2011 StudioZENITH S.r.l.
via M. Longhena, 17. 40139 Bologna
Tel: +39 051 62 72 202 | Fax: +39 051 62 09 217
PI: 04290980376 | REA BO 01245521100
Cap.Soc.: 10.000,00 i.v.
Professione esercitata ai sensi della legge
14 gen. 2013, n.4 (G.U. n.22 del 26-1-2013)
Informativa sulla privacy