News > Dettaglio News

Detrazioni sugli arredi fino a 10mila euro di spesa.

Bonus mobili piu' semplice: sconto per tutti fino a 10mila euro di spesa.

Il decreto casa del Governo fa marcia indietro sul bonus mobili e cancella il limite secondo cui la spesa per gli arredi non puo' essere superiore a quella per i lavori di ristrutturazione.

1. Bonus mobili piu' semplice / Detrazione sugli arredi fino a 10mila euro

Lo sconto fiscale del 50% sui mobili e grandi elettrodomestici si applica su una spesa massima di 10mila euro e va diviso in 10 rate annuali. La detrazione annuale massima, quindi, e' di 500 euro. Il bonus sugli arredi e' riservato a chi beneficia della detrazione per il recupero edilizio del 50 per cento.

2. Bonus mobili piu' semplice / Pagamento anche con bancomat e carta di credito

I mobili e gli elettrodomestici possono essere pagati con bonifico "parlante" (usando lo stesso modulo delle ristrutturazioni agevolate al 50% e la stessa causale), ma le Entrate ammettono anche gli acquisti con carte di credito o bancomat. Bocciati, invece, assegni e contanti.

3. Bonus mobili piu' semplice / Ecco a quali mobili si applica la detrazione

La circolare 29/E/2013, tra i mobili agevolati, cita ad esempio letti, materassi, armadi, librerie, tavoli, sedie, comodini, divani, poltrone, credenze, inclusi gli apparecchi di illuminazione che sono un «necessario complemento» dell'arredo. Sono comprese le spese di trasporto e montaggio. Esclusi, invece, oggetti d'antiquariato, porte, parquet, tende e altri complementi d'arredo.

4. Bonus mobili piu' semplice / Elettrodomestici ad alta efficienza

I «grandi elettrodomestici» agevolati sono quelli indicati dell'allegato 1B del Dlgs 151/2005, che include ad esempio frigoriferi, lavatrici, lavastoviglie, stufe elettriche, forni, condizionatori. Devono essere di classe A+ o superiore (A per i forni). I prodotti senza etichetta energetica sono agevolati solo per le categorie per cui non e' ancora obbligatoria l'etichettatura.

5. Bonus mobili piu' semplice / Calendario allargato per i lavori

La detrazione del 50% vale per gli acquisti di mobili e grandi elettrodomestici effettuati tra il 6 giugno 2013 e il 31 dicembre 2014. Le spese per il recupero edilizio a cui abbinare lo sconto, invece, possono essere state sostenute tra il 26 giugno 2012 e il 31 dicembre 2014. È fondamentale che i lavori siano iniziati prima dell'acquisto degli arredi, ma il pagamento all'impresa edile puo' essere anche successivo a quello per il mobiliere.

6. Bonus mobili piu' semplice / I lavori che danno diritto al bonus

La detrazione sugli arredi e' "agganciata" a quella del 50% per il recupero edilizio. Come hanno chiarito le Entrate a Telefisco, gli interventi devono essere almeno di manutenzione straordinaria per poter dare diritto al bonus su mobili ed elettrodomestici. Niente cambio della serratura o di una presa elettrica difettosa, quindi, ma via libera all'installazione dell'allarme che richiede lavori in muratura e sull'impianto elettrico, cosi' come all'installazione di una porta blindata. Consente di avere il bonus anche un impianto fotovoltaico, ma solo su abitazioni monofamiliari.

Fonte - Il Sole 24 Ore - Approfondisci

 

 

Skype
Chiamaci via Skype!
(C) 2011 StudioZENITH S.r.l.
via M. Longhena, 17. 40139 Bologna
Tel: +39 051 62 72 202 | Fax: +39 051 62 09 217
PI: 04290980376 | REA BO 01245521100
Cap.Soc.: 10.000,00 i.v.
Professione esercitata ai sensi della legge
14 gen. 2013, n.4 (G.U. n.22 del 26-1-2013)
Informativa sulla privacy