News > Dettaglio News

Check up allo stabile con le linee guida di Abitare Biotech - Il Sole 24 Ore

Il condominio da' la pagella a se stesso, con parametri oggettivi. Sono arrivate le linee guida di Abitare Biotech, l’iniziativa di Anaci (Associazione nazionale amministratori condominiali immobiliari) e E.ON Energia per stimolare gli amministratori a migliorare le condizioni energetiche, di sicurezza e di salubrita' dell’edificio.

Le linee guida sono state presentate a Milano, in una tavola rotonda organizzata, da Francesco Burrelli, eletto nuovo Presidente dell’Anaci con il 93% dei consensi al congresso di Rimini lo scorso giugno (confermati il segretario nazionale e il Tesoriere, rispettivamente Andrea Finizio e Giuseppe Merello). L’associazione si e' fatta promotrice del progetto, un programma ambizioso, che punta al miglioramento delle prestazioni energetiche degli edifici esistenti e a una riduzione del 20% delle emissioni di CO2 nell’ambiente in linea con gli obiettivi del Paes (Piano d’Azione per l’Energia Sostenibile). Grazie alla partnership con Abitare Biotech e allo sponsor tecnico dell’iniziativa E.ON Energia le linee guida operative e il check up Abitare Biotech sono ora disponibili e consentono di fotografare la salute dell’edificio assegnando un indicatore di valutazione su una scala da 1 a 6 “girasoli”.

Il protocollo Abitare Biotech e' stato ideato per gli amministratori per arrivare a una corretta conduzione del condominio sia dal punto di vista della qualita' della vita e della sicurezza degli abitanti, che da quello di una corretta interpretazione del concetto di sviluppo sostenibile nell’abitare collettivo. In sostanza, l’amministratore si confrontera' con il protocollo tecnico e gestionale illustrato nel volume Abitare Biotech (edito da Edizioni Ambiente e in vendita a 35 euro nelle librerie e sul sito www.edizioniambiente.it), realizzato a cura di Francesco Burrelli, Annalisa Galante, Alessandro Marata e Francesco Venunzio. I requisiti da valutare sono 89, divisi in otto macroaree: audit, design for all (barriere e disabilita'), sicurezza e conformita', energia, comfort e qualita', acqua, attrezzature comuni e presenza di documentazione tecnica.

Ciascuna macro area contiene una serie di aspetti da verificare: per esempio, alla voce “sicurezza e conformita'” si valutano ben 29 voci, dalla presenza di un sistema rilevamento gas nel vano scala e nelle parti comuni (3 punti) all’assenza di spigoli taglienti (1 punto) o di amianto (3 punti), alla conformita' alla verifica periodica di porte e cancelli automatici (2 punti), all’adeguamento degli impianti di ricezione condominiale per apparecchi televisivi (1 punto). A ognuna delle 89 voci, quindi, corrisponde un punteggio.

Una volta terminato lo screening, si sommano i punti e si attribuiscono i “girasoli: con meno di 20 punti c’e' un solo girasole, due da 21 a 50 punti, tre da 51 a 70 punti, quattro da 71 a 90 punti, cinque da 91 a 110 e sei sopra i 110 punti. Un condominio, avvertono le linee guida, si puo' considerare sufficientemente virtuoso se acquisisce almeno 4 girasoli, cioe' piu' di 70 punti.«Nel frattempo – ha detto Burrelli – Anaci sta formando i tecnici specializzati su questo protocollo, in grado di offrire consulenze per dare la “pagella” e, soprattutto, avviare i miglioramenti dell’involucro abitativo.

E dopo il check up il condominio, se ha totalizzato almeno quattro girasoli, ricevera' una targa e verra' creato un cloud con tutti i documenti relativi agli impianti condominiali, in modo che rappresenti un data base dell’edificio trasparente e a disposizione di tutti». Il corso, con certificazione Sacert, si svolge nel mese di luglio. Il Dg di E.ON Energia, Luca Alippi, ha ricordato che con 30 milioni di clienti nel mondo e 800mila in Italia cui fornisce energia, E.On ha tutto l’interesse all’efficienza energetica: «Anche perché ce la chiedono i nostri clienti, quindi abbiamo gia' avviato un progetto pilota con 30 condomi'ni per effettuare il check up e mettere in campo le soluzioni». Saverio Fossati

Fonte Il Sole 24 Ore

 

 

 

Skype
Chiamaci via Skype!
(C) 2011 StudioZENITH S.r.l.
via M. Longhena, 17. 40139 Bologna
Tel: +39 051 62 72 202 | Fax: +39 051 62 09 217
PI: 04290980376 | REA BO 01245521100
Cap.Soc.: 10.000,00 i.v.
Professione esercitata ai sensi della legge
14 gen. 2013, n.4 (G.U. n.22 del 26-1-2013)
Informativa sulla privacy