News > Dettaglio News

Legionella sempre sotto controllo

Le cronache recenti hanno descritto casi di legionella nell'hinterland milanese. Il problema e' strettamente connesso alla gestione del condominio, dove e' centrale l'importanza della manutenzione e della pulizia degli impianti idrotermici e di climatizzazione. Nelle reti sopravvive in basse concentrazioni ( e quindi non e' nociva ) perché la temperatura e' inferiore a 25°C .Invece diventa pericolosa nell'intervallo di temperatura tra 25°C e 55°C quando viene inalata sotto forma di aerosol (particelle di diametro da 1 a 5 micron emesse da un rubinetto, dal soffione di una doccia, eccetera). La prevenzione va fatta cosi':

1) evitare tubazioni con tratti terminali ciechi senza circolazione dell'acqua;

2)   evitare formazione di ristagni d'acqua (fondi di serbatoi, vasi di espansione);

3)   pulizia e disinfezione periodica degli impianti;

4) mantenere in condizioni di pulizia ed in efficienza i «separatori di gocce»;

5) controllare periodicamente lo stato di pulizia ed efficienza dei filtri applicati sui circuiti dell'aria;

6)   controllare periodicamente la temperatura dell'acqua ;

7) programmare interventi biocidi per ostacolare la crescita di alghe e batteri ;

8)   trattamento dell'acqua per evitare formazione di corrosioni, calcari e film biologici;

9) tenere a disposizione gli schemi aggiornati degli impianti per le ricognizioni e visite periodiche sull'impianto idrotermico e dell'aria

10)verificare che le tubazioni dell'acqua fredda e quelle dell'acqua calda risultino ben coibentate e separate.

I metodi utilizzati per eliminare la contaminazione nei sistemi idrotermici sono diversi:

• elevando la temperatura a 70 ° C - 80°C per tre giorni consecutivi e far scorrere l'acqua continuamente dai rubinetti per 30 minuti, con l'accortezza che anche nei punti piu' distanti l'acqua sia maggiore di 60°C; oppure distribuendo l'acqua tra 50°C e 60°C sino al punto di miscelazione con l'acqua fredda nei rubinetti di erogazione.

• clorazione con una concentrazione di cloro di circa 3 mg/ litro ( milligrammi per litro ) con personale qualificato

• biossido di cl oro con concentrazioni variabili da o,1 mg/1 a i mg/1

• lampade ultraviolette UV

• ionizzazione rame-argento (non va bene per tubazioni zincate)

• perossido di idrogeno e argento.

In ogni caso, l’articolo 4 comma 14 del Dpr 59/2009 prevede che nel caso di installazione o ristrutturazione degli impianti termici, o sostituzione dei generatori di calore gli impianti devono essere dotati di impianto di trattamento dell'acqua.

Antonio De Marco

Il Sole 24 Ore

 

 

Skype
Chiamaci via Skype!
(C) 2011 StudioZENITH S.r.l.
via M. Longhena, 17. 40139 Bologna
Tel: +39 051 62 72 202 | Fax: +39 051 62 09 217
PI: 04290980376 | REA BO 01245521100
Cap.Soc.: 10.000,00 i.v.
Professione esercitata ai sensi della legge
14 gen. 2013, n.4 (G.U. n.22 del 26-1-2013)
Informativa sulla privacy