News > Dettaglio News

Casa: in condominio spese sotto controllo

 

RISPARMIO FISCALE

Manutenzione, detraibile il 50 per cento degli oneri

Una delle strade maestre per risparmiare sulle spese di manutenzione e' puntare sulla detrazione del 50%, valida sino a fine anno. Scendera' al 40% per gli interventi pagati nel corso del 2015 e al "vecchio" 36% per gli anni successivi. La procedura da seguire, se intrapresa da singoli, non e' difficile: non sono richieste pratiche burocratiche (tranne quelle per i permessi edilizi relativi a lavori di particolare' entita' come il rifacimento di tetto o facciate). L'iter da seguire in condominio, invece, e' un poco piu' complesso. Nel corso dell'assemblea che decide la tipologia dei lavori, la spesa e la ripartizione, e' necessario che venga definito anche l'obbligo dell'amministratore di eseguire i pagamenti con bonifico "parlante" (dove cioe' siano indicati i dati fiscali di condominio e impresa esecutrice) e di comunicare ai condo'mini la quota di detrazione a loro individualmente spettante.

Basterebbe, in seconda convocazione, la maggioranza degli intervenuti che rappresenti almeno 1/3 dei millesimi; ma, se i lavori sono di «notevole entita'», meglio raggiungere la maggioranza degli intervenuti in assemblea e almeno 500 millesimi e non rischiare l'impugnazione per mancanza del quorum. La quota di detrazione (pari al 50% della spesa divisa in 10 rate annuali) non spetta ai condo'mini che non abbiano pagato le loro rate entro l'anno. Gli interventi agevolati sono quelli di manutenzione straordinaria, restauro-risanamento conservativo e ristrutturazione vera e propria (questi ultimi due sono molto rari). Tra gli interventi di manutenzione straordinaria sono anche compresi quelli di installazione di ascensori e scale di sicurezza, realizzazione e miglioramento dei servizi igienici comuni, rifacimento di scale e rampe, interventi finalizzati al risparmio energetico (che non possano beneficiare dello sconto del 65%, tra l'altro prorogato per i pagamenti effettuati sino al 30 giugno 2015). Nel beneficio rientra anche la manutenzione ordinaria ma solo per gli interventi sulle parti comuni condominiali. In genere, la manutenzione periodica (per esempio, pulizia delle scale, controlli sull'ascensore e lavori in giardino) non rientra. L'elenco e' contenuto nella guida al 50% pubblicata su www.agenziaentrate.gov.it. Ma, per esempio, ci sono anche gli interventi relativi alla sicurezza (installazione di videocitofoni o cancelli elettrici) e alla bonifica dell'amianto.

Fonte Il Sole 24 Ore

 

 

 

Skype
Chiamaci via Skype!
(C) 2011 StudioZENITH S.r.l.
via M. Longhena, 17. 40139 Bologna
Tel: +39 051 62 72 202 | Fax: +39 051 62 09 217
PI: 04290980376 | REA BO 01245521100
Cap.Soc.: 10.000,00 i.v.
Professione esercitata ai sensi della legge
14 gen. 2013, n.4 (G.U. n.22 del 26-1-2013)
Informativa sulla privacy