News > Dettaglio News

Venti Anni di Detrazioni Fiscali sugli Immobili

Risale al 1997  la prima legge che ha introdotto la possibilita' di recuperare fiscalmente una quota delle spese per interventi di ristrutturazione edilizie vediamo una sintesi tra vecchio e nuovo.

SPESE DI RECUPERO DEL PATRIMONIO EDILIZIO DETRAZIONE PARI AL 50% DELLA SPESA IN 10 ANNI

IMMOBILI INTERESSATI: sono gli immobili residenziali e le relative pertinenze cosi come definite dall’ art 817 del codice civile iscritti in catasto o per quelli non ancora censiti con richiesta di accatastamento e  tutte le parti comuni individuate all’art. 1117 del Codice Civile.

SOGGETTI INTERESSATI: sono i proprietari e/o loro conviventi, i titolari di diritto di godimento e i detentori (inquilini o comodatari) degli immobili oggetto dell’intervento  che sostengono le spese.

TIPOLOGIA DELL’INTERVENTO:  a titolo esemplificativo ma non esaustivo  sono agevolabile le spese di manutenzione ordinaria ai sensi delle lettere da A a D dell’art 3 del DPR 380/2001 se eseguite su parti comuni e le spese di manutenzione straordinaria se eseguite su singole unita' immobiliari, la costruzione di box pertinenziali, l’eliminazione di barriere architettoniche, le misure di prevenzione degli illeciti di terzi, la cablatura edifici e contenimento dell’inquinamento acustico, interventi di risparmio energetico diversi da quelli elencati nella  legge 296/2006.

LIMITE DI SPESA: 96.000 Euro per unita' immobiliare.

ADEMPIMENTI: e' necessario avere la documentazione edilizia presentando in comune apposita SCIA O CIL o un autocertificazione che attesti la data di inizio lavori, la tipologia degli stessi e i riferimenti catastali.

NOTIFICA PRELIMARE ASL: ai sensi dell’art 99 del d.lgs. 81/2008 il committente o il responsabile dei lavori nel caso in cui nel cantiere, e per cantiere si intende il luogo in cui si svolgono i lavori, operino piu' imprese anche non contemporaneamente o una sola impresa per interventi con durata complessiva superiore a 200 giorni/uomo deve presentare notifica preliminare all’ASL.

SISMA BONUS

IMMOBILI INTERESSATI: sono gli immobili adibiti ad abitazione principale o ad attivita' produttive che ricadono nelle zone ad alta pericolosita' (sito protezione civile si trova elenco) non rileva la categoria catastale.

SOGGETTI INTERESSATI: oltre ai soggetti di cui sopra sono interessate anche le societa' di capitali (srl , spa) che possiedono gli immobili.

TIPOLOGIA DELL’INTERVENTO: messa in sicurezza statica in particolare delle parti strutturali, redazione della documentazione obbligatoria atta a comprovare la sicurezza statica degli edifici, la realizzazione degli interventi necessari al rilascio della suddetta documentazione ed in generale gli interventi per l’adozione di misure antisismiche.

LIMITE DI SPESA e PERCENTUALI DI DETRAZIONE: 96.000 Euro per unita' immobiliare, con detrazione pari al 70% se la riduzione del rischio e' di una classe, dell’80 % se la riduzione e' di due classi e 50% se le spese sostenute non hanno le riduzioni di rischio ma sono sempre finalizzate al rischio sismico.

Per le parti condominiali la percentuale e' elevata rispettivamente al 75% e 85% e il limite di spesa dei 96.000 Euro  si moltiplica  per ogni unita' immobiliare.

Dal 2017 le detrazione spettante e' fruibile in 5 anni.

ADEMPIMENTI: e' necessaria una relazione di un professionista che valuti il rischio sismico e che elabori e asseveri un progetto che stabilisca a quale classe di rischio si arrivera' dopo l’intervento, al termine dei lavori il direttore lavori o il collaudatore attestino la conformita' dei lavori, notifica preliminare asl.

Le modalita' definitive saranno oggetto di un provvedimento dell’Agenzia delle Entrate in corso di pubblicazione.

ECOBONUS E RISPARMIO ENERGETICO

IMMOBILI INTERESSATI: sono tutti gli immobili purche' esistenti compresi gli edifici collabenti classificati catastalmente in F2. e le parti comuni condominiali.

SOGGETTI INTERESSATI: oltre ai soggetti gia' elencati nei precedenti sono beneficiari anche  i soggetti titolari di reddito di impresa e di lavoro autonomo, gli enti Iacp.

TIPOLOGIA DELL’INTERVENTO: riqualificazione energetica spesa massima 153.846,15, interventi sugli involucri degli edifici spesa massima 92.307,89, pannelli solari per la produzione di acqua calda spesa massima 92.307,69, impianti di climatizzazione invernale spesa massima 46.153,85, installazione di schermature solari (tende da sole, tapparelle) spesa massima 92.307,69, impianti dotati di generatori di calore a biomassa spesa massima 46.153,85, dispositivi multimediali per il controllo da remoto degli impianti nessun limite di spesa.

DETRAZIONE FISCALE: interventi non qualificati 50%, finestre, infissi, schermature solari, impianti di climatizzazione, biomasse, caldaie a condensazione detrazione 50%, interventi qualificati detrazione 65% fruibili in 10 anni.

ADEMPIMENTI: e' necessaria la documentazione edilizia Scia o Cil , acquisizione dell’asseverazione dell’intervento e attestato di prestazione energetica, trasmissione all’Enea dei documenti  solo con procedura telematica, notifica preliminare Asl.

BONUS VERDE DAL 1/1/2018

Si tratta di una novita' introdotta dal 1 gennaio 2018 e consiste in una detrazione pari al 36% delle spese sostenute per la realizzazione di giardini, la sistemazione a verde di aree scoperte, sistemi di irrigazione, purche' relative a pertinenze di unita' immobiliari di qualsiasi genere. 

DETRAZIONE FISCALE: 36% della spesa massima di 5.000 Euro in 10 anni per ogni unita' immobiliare.

CESSIONE DEL CREDI­TO IRPEF DAL 2017 PER INCA­PIENTI

I beneficiari della detra­zione, qualora fossero in­capienti ai fini irpef, pos­sono cederla sotto forma di credito ai fornitori che hanno effettuato l’inter­vento e a altri soggetti pri­vati comprese le banche o altri in­termediari finanziari.

Le modalita' operative sono contenute nel provvedi­mento dell’agenzia delle entrate del 28/8/2017.

CESSIONE DEL CREDITO IRPEF DAL 2018 PER I CAPIENTI

I beneficia­ri delle detrazioni, qualora fossero capienti ai fine irpef, possono optare per la cessione del credito corri­spondente alla spettante quota di detrazione ai for­nitori che hanno effettua­to gli interventi o ad altri soggetti privati, tranne che alle banche o ad altri in­termediari finanziari. In questo modo, chi non po­tra' usufruire del beneficio fiscale, potra' invece avere uno sconto sul costo dei lavori, cedendo il credito di imposta all’impresa che li ha effettuati. 

Le modalita' operative verranno rese note dall’Agenzia delle Entrate (probabilmente ad inizio marzo 2018)

 

di MARILENA MARTIGNONI

Tributarista presso Evoluzione Continua Sas

Skype
Chiamaci via Skype!
(C) 2011 StudioZENITH S.r.l.
via M. Longhena, 17. 40139 Bologna
Tel: +39 051 62 72 202 | Fax: +39 051 62 09 217
PI: 04290980376 | REA BO 01245521100
Cap.Soc.: 10.000,00 i.v.
Professione esercitata ai sensi della legge
14 gen. 2013, n.4 (G.U. n.22 del 26-1-2013)
Informativa sulla privacy